Iscrizione dominio .GOV

I siti web rappresentano da tempo un consolidato strumento di comunicazione e diffusione di servizi.

Per tale motivo, è necessario che la pubblica amministrazione caratterizzi la propria offerta di informazioni e servizi in modo che possa essere facilmente "distinta" dall'offerta complessiva sul web, senza ambiguità e possibili fraintendimenti.

La Direttiva n. 8/2009 sancisce nelle Premesse l'ambito di applicazione e l'obbligatorietà dell'iscrizione al dominio ".gov.it": "[…] le pubbliche amministrazioni sono tenute a provvedere all'iscrizione al dominio .gov  di tutti i siti che intendono mantenere attivi" [5].

La registrazione al dominio ".gov.it" dei siti della pubblica amministrazione garantisce che, già a partire dall'indirizzo web (il più sintetico degli elementi rappresentativi di un sito), sia immediatamente percepita dagli utenti la natura pubblica dell'informazione, ovvero l'appartenenza del sito alla Pubblica Amministrazione.

Il dominio ".gov.it" è gestito da DigitPA che cura lo svolgimento delle seguenti procedure:

    registrare un nuovo sottodominio;
    variare gli attributi di un sottodominio già registrato;
    cessare l'utilizzo di un sottodominio;
    sostituire il referente amministrativo di un sottodominio già registrato.

In analogia con quanto stabilito per il dominio ".it", da parte dell'Ente delegato per la sua gestione (CNR - Istituto di Informatica e Telematica di Pisa), anche per il dominio ".gov.it" DigitPA ha redatto, un apposito Regolamento di assegnazione e gestione dei nomi nel dominio ".gov.it"

considerando che l'iscrizione al dominio al ".gov.it" deve essere un'occasione per ripensare e riorganizzare in modo omogeneo il nome dei siti dell'Ente, all'assegnazione e alla gestione dei nomi nel dominio "gov.it", sono applicate le seguenti regole:

    i criteri di assegnazione dei nomi a dominio dei siti istituzionali delle Amministrazioni sono orientati a  favorirne la riconoscibilità;
    i nomi a dominio dei siti istituzionali delle Amministrazioni sono assegnati e gestiti, ove possibile, in analogia con quanto stabilito per il dominio ".it", da parte dell'Ente delegato per la sua gestione, al fine di ridurre l'impatto organizzativo e comunicativo della migrazione;
    i siti tematici delle Amministrazioni devono avere dei nomi a dominio auto esplicativi e di facile riconoscibilità e devono preferibilmente risiedere all'interno del dominio istituzionale dell''Ente, realizzando dei sottodomini ad hoc oppure delle sottosezioni del dominio istituzionale.

La gestione del dominio ".gov.it" è centralizzata. Non è quindi prevista l'assegnazione di domini di terzo livello (third level domain) a specifiche categorie preposte istituzionalmente alla gestione del settore di competenza, per una gestione delegata ed autonoma.